Uomini bianchi americani di mezza età muoiono

Ricercatori come Richard Wilkinson e Thomas Piketty hanno sostenuto con successo che la distribuzione gioca un ruolo cruciale per lo sviluppo economico e il benessere. Ora, il premiato economo Angus Deaton presenta prove e strane prove. Egli osserva che il tasso di mortalità per bianchi di mezza età americani sono in aumento. Lo fanno non per i residenti negli Stati Uniti che sono classificati come Latinos, afro-americani o qualsiasi altro gruppo etnico. Non sono bianchi di mezza età che hanno vinto la lotta per le risorse? Beh, certamente ci sono molti vincitori del gruppo, ma i meno istruiti di mezza età americani bianchi vanno così male che incrementano il bilancio delle vittime per l'intero gruppo.

La spiegazione è che il suicidio, la droga e l'alcool ora mietono molte altre vite. Sorpresa delle sorprese, forse dipende dall’alta percentuale di povertà in rapporto al basso tasso di disoccupazione negli Stati Uniti, ma anche alcune delle statistiche tristi probabilmente spiegano che sempre la scarsa partecipazione alla forza lavoro è scesa al suo livello più basso dagli anni '70. Sempre meno persone si iscrivono nelle liste di collocamento quando non hanno lavoro. Una ragione è probabilmente che meno di uno su tre ricevono sussidi di disoccupazione. La bassa densità sindacale porta anche ad una maggiore diversificazione dei redditi, che si riflette negli Stati Uniti sotto forma di crescita dei salari negativa per bassa retribuzione negli ultimi 25 anni. In Svezia ora i datori di lavoro vogliono abbassare i salari minimi, ridurre il sussidio di disoccupazione e abolire il diritto del lavoro. Forse avrebbero dovuto leggere i risultati della ricerca Deatons prima di decidere - o non importa? 

Sandro Scocco, Chefsekonom Arena Idé (tradotto da MP)
Da:
http://www.arenaide.se/