Oltre 300 i profughi annegati nei giorni scorsi

Si teme siano oltre 300 i rifugiati annegati nei giorni scorsi a causa della tempesta nel Mediterraneo. Nel mese di gennaio, il numero di morti è aumentato notevolmente.
"Nove sono stati salvati dopo quattro giorni in mare. Gli altri 203 sono scomparsi tra le onde ", dice il portavoce del UNHCR, Carlotta Sami, su Twitter sull’ultimo disastro profughi al largo delle coste d'Italia.
In totale, circa 300 persone sono morte negli ultimi giorni di maltempo nel Mediterraneo. Le statistiche mostrano che sempre più cercando di prendere la strada pericolosa attraverso il Mediterraneo verso l'Europa e le cifre indicano un continuo aumento.
Secondo l'UNHCR, circa 218 000 persone hanno cercato di attraversare il Mediterraneo l'anno scorso. Circa 3500 di loro sono morti.
Nel gennaio dello scorso anno ci fu un totale di 2.171 persone arrivate in Italia. Nel gennaio di quest'anno la cifra è di 3 528. Sono aumentati anche i casi di mortalità. L'anno scorso 12 persone sono morte a gennaio rispetto alle 50 dello stesso mese di quest'anno.
La ragione per cui il bilancio delle vittime poteva ancora essere limitata a 3.500 rifugiati l'anno scorso si deve al soccorso d'Italia Mare Nostrum, dice il portavoce dell'Unhcr Adrian Edwards in un comunicato. L'operazione di salvataggio è stato chiuso lo scorso anno dal Governo italiano per il fatto che il prezzo di 114 milioni di euro era eccessivo.
Adrian Edwards critica l’azione congiunta dell'UE, Tritone, che ha un obiettivo diverso e non può sostituire il Mare Nostrum nella ricerca e soccorso dei profughi in difficoltà.

Erik Halling www.arenagruppen.se (traduzione MP)