La Fais per il centro Italia

Si dice che sia nei momenti di oscurità in cui si nota di più la presenza della luce. Per il centro Italia è di fatto uno dei momenti più bui degli ultimi decenni, i terremoti che non hanno intenzione di finire, stanno mettendo a dura prova la psiche ed il fisico degli abitanti che ormai hanno visto tutta la loro vita andare letteralmente in pezzi.

Come dicevo prima, in questi periodi anche una piccola candela, può avere la forza di un sole e di candele, per il centro Italia, ne sono state accese tante, in Patria come all’estero.

Noi come Federazione delle Associazioni degli Italiani in Svezia (FAIS) abbiamo voluto fare la nostra parte e le nostre associazioni ci hanno seguito entusiasticamente in questa importante colletta di conforto per le popolazioni colpite.

Si è così deciso di collaborare con la ONLUS “Amatrice siamo noi”, fondata in occasione del sisma e sotto il diretto controllo del Sindaco della città.

È stato già inviato un primo contributo, di 16.000 SEK, ed in futuro ce ne sarà un secondo. Questi soldi serviranno a ricostruire la Pro Loco di Prato, una delle tante frazioni di Amatrice colpite, per ridare alla popolazione un luogo di incontro. Nello specifico, oltre a mettere in sicurezza il luogo, saranno sistemati i bagni.

Per la federazione l’associazionismo è ovviamente importante, così si è preferito fare qualcosa di concreto invece di mettere tutto in un enorme calderone.

Bisogna dire in ultimo, ma non per importanza, che anche molti svedesi hanno contribuito alla raccolta fondi, segno questo di quanto la nostra Nazione sia sentita in un luogo così a Nord.

Felici di far parte del grande numero di aiuti per la nostra terra, auguriamo a tutte le popolazioni colpite dai sismi di tornare ad una vita serena il più presto possibile.

Valerio De Paolis