Masaya Nakamura, fondatore di Namco, una delle più vecchie case di videogiochi, e padre di Pac Man è morto

Foto: xellphie @ deviantart

Foto: xellphie @ deviantart

Il 22 gennaio di questo anno, a 91 anni, Masaya Nakamura, fondatore di Namco, una delle più vecchie case di videogiochi, e padre di Pac Man è morto.

Tutti noi abbiamo visto, oppure giocato, a Pac Man almeno una volta. Si dice che questo storico personaggio dei videogiochi sia nato, durante una cena a base di pizza, infatti fu proprio quando ad una pizza venne tolto il primo spicchio, che nella mente di Tori Iwatani, creatore di Pac Man, si creó l’archetipo di ció che conosciamo oggi.

Quello della pizza non è il solo aneddoto che collega, in qualche maniera, la Namco alla cucina italiana. In Giappone esiste una catena di ristoranti italiani, chiamata “Italian Tomato”, che venne comprata proprio dalla software house e che compare anche in qualcuno dei suoi videogiochi.

Masaya Nakamura è stato un pioniere dell’intrattenimento digitale e molto di quello che ormai fa parte della nostra cultura contemporanea deriva da ciò che lui, e tutti gli altri protagonisti del campo, hanno creato.

Valerio De Paolis